CureVac

CureVac, il vaccino tedesco che tutti attendevano, finora è un fiasco

CureVac: il vaccino tedesco raggiunge solamente il 47% di efficienza. I risultati emersi dall’ultimo test clinico mettono a rischio la fornitura di milioni di dosi vaccinali all’UE.

I risultati emersi dagli ultimi test clinici dimostrano una preoccupante insufficienza circa l’efficienza del vaccino prodotto dall’azienda CureVac. Una ricerca, condotta su un campione di circa 40’ooo volontari tra Europa e Sud America, ha rivelato risultati distanti rispetto a quelli dei vaccini Pfizer e Moderna, aventi entrambi almeno il 90% di efficienza. Le aspettative nei confronti del vaccino CureVac erano cresciute rapidamente negli ultimi tempi. A differenza dei vaccini Johnson & Johnson e Astrazeneca, che avevano evidenziato una bassa ma problematica probabilità di trombosi in alcuni individui, per il vaccino tedesco non era stato posto alcun limite d’età. Si sperava quindi che CureVac potesse aiutare i paesi a basso e medio reddito a progredire nella campagna di vaccinazione globale.

Perchè il vaccino CureVac ha raggiunto una soglia di efficienza così bassa?

La CureVac ha in programma di avanzare una domanda di autorizzazione all’EMA (European Medecines Agency), ma con una percentuale di efficacia del 47% – di poco sotto la soglia minima del 50% fissata dall’OMS – l’uso vaccino tedesco a mRNA potrebbe non  essere autorizzato. Le percentuali finali sono attese tra circa 15 giorni, ma secondo gli esperti del settore sarà difficle che si discostino di molto rispetto ai valori odierni.

Per quale motivo il vaccino CureVac non è riuscito a soddisfare le aspettative iniziali? Nella popolazione selezionata come oggetto di studio, sono state individuate almeno 13 varianti. I risultati provvisori sottolineano l’efficacia del vaccino tra la popolazione più giovane; CureVac non risulta tuttavia essere altrettanto efficace per la fascia d’età degli over 60. In un contesto di grande diversità, che vede il continuo diffondersi di varianti, risulta sempre più difficile raggiungere un alto livello di efficacia. Come sostenuto dai ricercatori, il basso dosaggio del vaccino potrebbe spiegarne il deludente risultato in termini di efficacia: CureVac utilizza solo 12 microgrammi per dose, a differenza dei 30 utilizzati da Pfizer e 100 di Moderna.

La campagna vaccinale in Germania

L’insoddisfazione generale per il mancato raggiungimento delle aspettative iniziali circa la produzione di un vaccino tedesco non ostacolerà tuttavia l’andamento della campagna vaccinale in Germania. I dati aggiornati a domenica 20 giugno, mostrano che 25.831.503 persone, ovvero il 31,1% del totale della popolazione, hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino. Complessivamente, 42.284.584 persone hanno ricevuto almeno una dose. A Berlino sono state somministrate 2.862.006 dosi. Nello speficifo, il 51,1% della popolazione berlinese ha ricevuto almeno una dose, mentre il 28,6% ha ricevuto entrambi le dosi.

Leggi anche: Metà dei residenti in Germania hanno già ricevuto una dose di vaccino – Berlino Magazine

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

In copertina: CureVac Hub Center Screenshot da Youtube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *