Berlino vuole “disfarsi” della casa sul lago di Goebbels

La residenza di campagna di Joseph Goebbels, poco fuori Berlino, è in rovina e l’amministrazione cittadina non può permettersi la ristrutturazione, che ammonta a 80 milioni di euro.

Per quasi 20 anni, Berlino non ha preso una decisione sul destino della villa Goebbels a Bogensee, ma ha mantenuto gli edifici in uno stato di riparazione di fortuna. L’edificio si trova a circa 40 km a nord di Berlino, vicino a Wandlitz. BIM, agenzia immobiliare di Berlino, ha cercato di vendere la proprietà per 15 anni, ma ha rinunciato esprimendo anche la preoccupazione che possa cadere in mani sbagliate. “Ho davvero paura che questo possa diventare un santuario per nazisti e non credo che dovremmo correre questo rischio” ha detto il direttore esecutivo di BIM, Birgit Möhring. La Storia pesa molto sul mercato immobiliare tedesco, soprattutto se la proprietà da vendere era appartenuta al gerarca nazista Joseph Goebbels.

Il mantenimento della villa di Goebbels costa più di 200.000 euro l’anno

La città di Berlino aveva ripetutamente cercato di vendere la casa negli ultimi anni, anche tramite una gara pubblica, ma senza successo.  Möhring ha detto che BIM è stata in contatto con potenziali investitori. Ma un grande ostacolo rimane il fatto che la villa di Goebbels è un edificio protetto dal 1996. Questo impedisce qualsiasi cambiamento importante alla struttura. Se fosse revocato, Möhring ha detto che la cosa migliore potrebbe essere la demolizione dell’edificio. Dal 2000 la manutenzione di base e la sorveglianza dell’abitazione sono costati 230.000 € l’anno.

Nonostante l’abbandono alcune parti della villa sono ben conservate

“Attualmente non c’è riscaldamento, non c’è acqua corrente, ci sono gravi danni alle facciate, i tetti stanno cadendo a pezzi e anche all’interno c’è molto da fare. Quello che ci piacerebbe davvero sarebbe se qualcuno arrivasse con un progetto intelligente per utilizzare questo luogo così intriso di storia” ammette Möhring. La casa è devastata dall’umidità e dal freddo pungente del sito isolato e ha cominciato a sgretolarsi rapidamente. Il piano terra ha una trentina di stanze ed è in gran parte intatto. Le pareti rivestite in legno sono ben conservate così come gli armadi a muro, le finestre in ottone, i davanzali in marmo e la porta in ferro battuto dell’ingresso principale. Anche la sala cinematografica dove Goebbels controllava (e censurava) i film prodotti durante il Terzo Reich si è preservata.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagini di copertina: Bogensee – Villa di Joseph Goebbels © Bjoern Schwarz da Flickr CC 2.0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *