Berlino, lunghissime file a Prenzlauer Berg per i tacos del momento

Senza dubbio i tacos sono uno dei cibi più amati dai messicani, ma stanno spopolando anche a Berlino

Un video pubblicato su Twitter dal giornalista Yaotzin Botello mostra il grande interesse dei berlinesi verso un chiosco che offre tacos al pastor. Lo stand in questione si trovava a Prenzlauer Berg, uno dei quartieri culturalmente e storicamente più significativi della capitale tedesca. Stando a quanto riportato da Yaotzin Botello, purtroppo il chiosco di tacos era stato allestito solo per quel giorno. Nel video, diventato virale, si possono vedere dozzine di tedeschi in fila per provare i famosi tacos, mentre altre persone stanno già assaporando i loro. Di fronte a queste immagini, molti utenti messicani si sono sentiti orgogliosi. Alcuni di loro hanno persino notato che la saliera utilizzata nello stand aveva la forma tipica di quelle presenti nelle taquerias messicane.

La storia del taco al pastor

L’invenzione del taco al pastor, street food molto popolare anche negli USA, risale alla metà del XX secolo. Il piatto nasce grazie al contributo della comunità libanese emigrata in Messico negli anni ’30. Il metodo di cottura della carne (in questo caso di maiale) è infatti lo stesso usato per preparare lo shawarma, tipico panino libanese ripieno di carne di agnello. Si utilizza un classico grill verticale, di quelli che siamo abituati a vedere nei chioschi di kebab. Ovviamente, nel caso del taco al pastor, il pane arabo è rimpiazzato da tortillas di mais. In Messico ci sono diverse varietà di tacos al pastor, con salse e condimenti che variano a seconda delle regioni, ma la marinatura e la cottura della carne sono di solito pressappoco le stesse.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Foto: ©Pixabay – dolvita108 / CC0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *