Berlino, la polizia cerca questo brutale aggressore

È ancora caccia all’aggressore che ha dato un calcio in testa ad un passeggero sull’U5

La polizia berlinese sta ancora cercando l’uomo che ha aggredito un passeggero senza motivo apparente a bordo della U5 alla stazione di Lichtenberg. L’aggressore ha preso a calci in testa un altro passeggero provocandogli alcune ferite al volto ed è poi scomparso senza lasciare traccia. Il fatto è avvenuto l’8 settembre 2020 ma la polizia non ha ancora identificato e arrestato l’aggressore. Gli investigatori hanno recentemente pubblicato le immagini delle telecamere di sorveglianza, chiedendo aiuto ai cittadini per riuscire a trovare l’uomo al più presto.

La polizia di Berlino chiede aiuto ai cittadini per trovare l’aggressore

In seguito all’aggressione gli agenti della polizia berlinese si sono messi subito all’opera per avere più informazioni possibili e trovare il sospettato. L’identikit dell’aggressore è stato possibile grazie alle videocamere di sorveglianza che sono sul treno. La polizia ha ora pubblicato la foto ricavata dai video, nella speranza che qualcuno si faccia avanti e lo riconosca. Si chiede a tutti i cittadini, che riconoscano questa persona, siano in grado di fornire informazioni sulla sua posizione o abbiano notizie rilevanti, di farsi avanti. Si prega di inviare qualsiasi informazione al Dipartimento di Investigazione Criminale della Direzione di Polizia 3 (Est), Sezione 34, Sezione Commissariato, Nöldnerstraße 35, 10317 Berlino, chiamando il numero (030)4664-334700 o tramite l’ Internetwache della Polizia di Berlino o in qualsiasi altra stazione di polizia.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Aggressore U-Bahn Lichtenberg

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *