Berlino, ex dipendenti del nuovo Castello denunciano casi di razzismo

La direzione dell’ Humboldt Forum: “Abbiamo avviato un’indagine interna”

Un nuovo complesso museale, l’Humboldt Forum, è stato inaugurato da poco all’interno del Castello di Berlino, in pieno centro città. Nei giorni scorsi, il Tagesspiegel ha riportato le testimonianze di alcuni ex dipendenti del museo (citati dal quotidiano con nomi di fantasia per motivi di privacy), che hanno dichiarato di aver subito discriminazioni sul luogo di lavoro.

“Non ho mai lavorato in un posto dove ero così spaventata”

“Non ho mai lavorato in un posto dove ero così spaventata”, ha detto Emma Dickinson (nome di fantasia). La 36enne, di origini africane, ha lavorato per quasi tre mesi all’ Humboldt Forum. E ha raccontato di aver passato la maggior parte del tempo a controllare stanze vuote. “Dovevo stare in piedi per ore a sorvegliare qualcosa anche dove non c’era nulla da sorvegliare” ha dichiarato la Dickinson. Durante i turni, che duravano anche sei ore, non le era permesso né sedersi né leggere. “A volte venivo assegnata a stanze da cui non potevo uscire”, ha poi aggiunto. “Potevo lasciare il posto solo quando arrivava qualcuno a darmi il cambio”. La dipendente ha poi segnalato che i cellulari erano vietati e le radio non erano disponibili: “In caso di emergenza, saremmo stati in balia del caso”.

“Dipendenti trattati come persone di seconda classe”

Anche Amaru Rota (nome di fantasia) è stato licenziato. Vive da dieci anni a Berlino e la considera ormai la sua città adottiva. “Con il mio lavoro all’Humboldt Forum – ha raccontato – volevo contribuire a creare qualcosa di nuovo in città”. Tuttavia, dopo aver iniziato la sua esperienza nel museo, si è reso conto che i dipendenti venivano trattati come “persone di seconda classe”. Rota ha parlato di “micro-aggressioni” sul posto di lavoro a causa del colore della sua pelle. L’ex dipendente ha detto di essere stato licenziato dopo aver litigato con una guardia di sicurezza. Il diverbio era scoppiato quando la guardia gli aveva chiesto di mostrare un documento. “So che a nessun altro è stato chiesto il documento”, aveva detto Rota, sentendosi più controllato rispetto agli altri solo per il colore della sua pelle. “La mia reazione è stata avventata, non c’è dubbio”, ha ammesso Rota. Tuttavia, non gli è mai stata data l’opportunità di raccontare la sua versione della storia e finora non ha mai ricevuto un motivo ufficiale per il suo licenziamento. L’Humboldt Forum ha dichiarato di trovare deplorevole il fatto che dei loro dipendenti si siano sentiti discriminati. “Prendiamo molto sul serio queste accuse e abbiamo avviato un’indagine interna”, ha affermato il portavoce Michael Mathis.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter
XMA Header Image
Corsi di tedesco a Berlino: intensivi, serali e private o su Zoom: il calendario di Berlino Schule – BerlinoSchule
berlinoschule.com

Immagine di copertina: Humboldt Forum © Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *