Berlino, boom di centri per test Covid: è un business da 25mila € al giorno

La mancanza di regolamentazione e il boom di centri per test rapidi nella capitale. Le autorità sanitarie chiedono maggiori controlli

A Berlino si sta assistendo ad un fenomeno di apertura massiccia di centri che effettuano test antigenici rapidi Covid-19. Basta fare una ricerca su Google per trovare il centro più vicino. Questa tipologia di test, con un tasso di accuratezza leggermente inferiore al normale test Covid-19 (circa il 97%), permette di sottoporre a screening un maggior numero di persone, ottenendo i risultati in tempi record. Infatti, effettuando questo tipo di test sarà possibile ottenere una risposta nel giro di mezz’ora. La ragione principale per cui stanno sorgendo molti centri a Berlino è legata al rapido aumento dei contagi nella capitale. Di conseguenza, anche chi non ha sintomi vuole sottoporsi al test. Infatti, quasi tutti gli studi medici e gli uffici sanitari distrettuali sottopongono al test solo le persone che manifestano sintomi o che sono entrate in contatto con qualcuno positivo al Coronavirus. Questa categoria di persone deve sottoporsi al test PCR obbligatoriamente, pertanto questi sono coperti dalla Krankenkasse. Ovviamente, test di questo genere richiedono più tempo per l’analisi dei risultati. Tuttavia, i nuovi centri sorti a Berlino stanno sfuggendo al controllo delle autorità. I funzionari della sanità pubblica e i politici della capitale chiedono delle regolamentazioni più severe per tenere sotto controllo la “crescita incontrollata”. Le autorità distrettuali non riescono a monitorare il numero di centri che vengono aperti ogni giorno.

Essendo un’assoluta novità, i centri per i test non richiedono alcun permesso che ne autorizzi l’apertura

Il consigliere distrettuale per la salute di Pankow, Torsten Kühne (CDU), ha sottolineato che per aprire i centri “non è richiesto alcun permesso”. Infatti, rappresentando la risposta ad una necessità nuova, non esistono da molto tempo e non sono stati ancora regolamentati a livello federale o nazionale. Inoltre, i centri non hanno nemmeno l’obbligo di dichiarare o segnalare le loro attività. Il problema è legato anche al fatto che spesso questi segnalano con notevole ritardo o in modo inadeguato i risultati positivi alle autorità sanitarie. Sebbene siano diventate delle attività a scopo di lucro, con un business da 25mila euro al giorno, dal punto di vista giuridico sono considerate come strutture sanitarie ambulatoriali a servizio della comunità. Per questa ragione non sono incluse nella normativa commerciale. Ma il dipartimento della salute di Berlino ha classificato i centri di test rapidi privati come “libera impresa”, partendo dal presupposto che essi rispettino tutti i requisiti. Tuttavia, Nicoletta Wischnewski, portavoce dei funzionari della sanità pubblica di Berlino, ha sollecitato l’amministrazione ad elaborare una ferrea regolamentazione con norme obbligatorie per questi centri. La critica mossa dalle autorità parte dalla constatazione che essi “non informano adeguatamente le persone risultate positive al Coronavirus”. Secondo la portavoce, questi centri invierebbero a tali soggetti solo un breve messaggio, senza ricordare loro l’obbligo di isolamento e senza informarli in merito alla necessità di eseguire un test PCR di follow-up più accurato per confermare la positività. Anche il sindaco del distretto di Neukölln, Martin Hikel (SPD), richiede un maggiore controllo e l’elaborazione di “regole e standard di qualità uniformi per i centri di test rapidi privati”. Il sindaco ha sottolineato che molto spesso “non è chiaro se i prezzi richiesti per i test di questo tipo siano appropriati o se i risultati positivi vengano segnalati alle autorità giuste.

Le testimonianze di chi ha deciso di aprire un centro test rapidi Covid-19 a Berlino

I centri vengono aperti nei luoghi più disparati come gallerie d’arte, teatri, chiese. Le persone che li gestiscono non sono solo medici e operatori di laboratorio, ma anche imprenditori esterni al campo. Molti soggetti che si sono cimentati in questa iniziativa hanno dichiarato che i centri possono essere aperti con facilità e molto velocemente. Uno di questi è Benjamin Föckersperger, un trentatreenne che ha dedicato la sua vita allo sviluppo di giochi per PC e alla realizzazione di start-up. Dopo aver avuto conferma del sovraccarico a cui sono sottoposte le autorità sanitarie per l’esecuzione dei test a causa di alcuni casi di Coronavirus in famiglia, ha deciso di aprire dei centri per test rapidi. Secondo il Föckersperger, è necessario che vengano messi a disposizione un numero elevato di ambulatori per snellire il processo di screening e spezzare rapidamente le catene del contagio. Così, ad oggi, la sua azienda Föckersperger Ventures Unternehmensgesellschaft, gestisce i centri rapidi privati nel teatro Admiralspalast e nella Kaiser-Wilhelm-Gedächtniskirche su Breitscheidplatz. Nel team del giovane imprenditore vi è anche un medico dell’ospedale Charité. Il professionista si è occupato di mostrare al personale medico “come eseguire correttamente il test”, ha affermato. Föckersperger ha deciso di contattare gli uffici sanitari locali e registrare i suoi centri presso gli uffici commerciali. Anche l’infermiere autonomo Dirk Heckert ha deciso, dopo aver ottenuto il permesso dal Berliner Bäderbetriebe, di aprire un centro privato al Weißensee Lido per sopperire all’inesistenza di tali ambulatori in questa parte della città.

Un centro per test rapidi può arrivare anche ad un fatturato di 25mila euro al giorno

Il consigliere distrettuale per la salute di Neukölln, Falko Liecke (CDU), ha sottolineato la problematicità dell’assenza dell’obbligo di registrazione di questi centri. In questo modo si favoriscono i “cacciatori di fortuna”. Tra questi ha citato il caso un chirurgo plastico di Vienna che ha chiesto il permesso alle autorità distrettuali per l’apertura di un centro a Neukölln. La richiesta è stata rifiutata. Föckersperger ha dichiarato che è possibile fatturare fino a 25mila euro al giorno se si decide di non rispettare tutte le regole e sottoporre al test più di 500 persone al giorno. Come dimostra l’ampia gamma di prezzi per test rapidi a Berlino (da 23 euro a 80 euro), in molti “sperano di guadagnare rapidamente con i test rapidi”. Non meraviglia, visto che i test rapidi, vendibili solo a personale medico su internet o in farmacia, hanno un prezzo unitario che varia da 3 a 10 euro, a seconda del produttore e della quantità. Per test effettuati nei loro centri, Föckersperger e Heckert chiedono rispettivamente 40 e 44,90 euro. Questi numeri sono nella media e rispondono all’esigenza di dover “pagare il personale e coprire i costi di esercizio”, ha dichiarato Föckersperger.

Dove recarsi per sottoporsi al test nella capitale?

La Kassenärztliche Vereinigung Berlin ha pubblicato sul proprio sito un elenco di studi medici generici che offrono test Covid-19 a pagamento. In seguito alcuni centri che si trovano sul territorio di Berlino.

Nel distretto di Mitte abbiamo tra gli altri:

Corona-Schnelltest-Station, centro di test rapidi di Auguststraße 20, 10117 Berlino, che riceve dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 19:00, sabato e domenica dalle 9:00 alle 18:00. Gli appuntamenti possono essere fissati su schnelltestberlin.de. Un test molecolare costa 99 euro. Un test rapido, o “test dell’antigene”, costa 49 euro.

Ärztehaus Mitte, centro situato presso In den Ministergärten 1, 10117 Berlino. È possibile prendere appuntamento telefonando al numero 030/2123436409 o avere ulteriori informazioni su aerztehaus-mitte.de/covid-19-test/. Un test molecolare costa 75,76 euro.
Admiralspalast, centro a Friedrichstraße 101, 10117 Berlino. Riceve tutti i giorni dalle 10:00 alle 22:00 su appuntamento. Quest’ultimo è prenotabile su berlin-coronatest.de. Un test rapido costa 40 €.

KitKatClub, centro su Köpenicker Str.76, 10179 Berlino, che offre la possibilità di sottoporsi al test registrandosi tramite check4event.de/register. Un test rapido dell’antigene è disponibile per 24,95 euro.

Nel distretto di Pankow abbiamo il My Corona Quick Test al Mauerpark, Max-Schmeling-Halle, presso Falkplatz 1, 10437 Berlino-Prenzlauer Berg, aperto dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 16:00 e il sabato dalle 10:00 alle 13:00. Gli appuntamenti possono essere fissati al mycoronaschnelltest. Un test veloce costa 49,95 euro.

Nel distretto di Friedrichshain-Kreuzberg vi sono:

Centro test rapido Corona a Moritzplatz, presso Prinzessinnenstrasse 14, 10969 Berlino-Kreuzberg. Appuntamenti su coronatest-moritzplatz.de. Qui un test dell’antigene costa 49,90 euro.

ASB Regionalverband Berlin-Nordwest a Bergmannkiez, presso Gneisenaustraße 40, 10961 Berlin-Kreuzberg. Riceve tutti i giorni dalle 16:00 alle 20:00 con prenotazioni su asb-berlin-nordwest.de/corona. Un test antigene costa 39 euro per i privati.

My Corona rapid test a Wriezener Karree 15, 10243 Friedrichshain, il sito è meincoronaschnelltest.de. Un test dell’antigene costa 35,90 euro.

Nel distretto di Lichtenberg abbiamo:

Il Covid Test Berlin a Landsberger Allee 270, 10367 Berlin, che riceve tutti i giorni dalle 12:00 alle 20:00 con appuntamenti su covidtest.berlin. Questo sito di test offre anche un drive-in, il test rapido costa 29,90 euro e il risultato viene inviato via email dopo 30 minuti. Un test “personalizzato” può essere prenotato per 10 euro in più. Le persone sottoposte al test ricevono anche un documento ufficiale sul risultato del test.

Il City-West Corona-Testzentrum a Charlottenburg / Westend, Württembergallee 1 (angolo Heerstraße 12-16), 14052 Berlino, dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 18:00, sabato e domenica dalle 11:00 alle 15:00, appuntamenti tramite 0151/10362370 o berlin-corona-test.de /. Qui un test dell’antigene costa 46 euro. Viene offerto anche un test molecolare. Per 86 euro, la persona testata può scoprire entro 24-48 ore se è infetta.

Il Corona-Testzentrum Süd, Lichterfelder Weg 5, 14167 Berlin-Lichterfelde, aperto solo il sabato e la domenica dalle 8:00 alle 16:00, senza appuntamento. Per informazioni consultare corona-schnelltest.berlin. In caso di domande si può chiamare dal mercoledì alla domenica dalle 8:00 alle 18:00 il numero +49 (0) 30-959 999051. Un test dell’antigene è disponibile per 83,50 euro e un test degli anticorpi per 39,95 euro

Il Centro test all’aeroporto BER. Il centro dell’aeroporto offre test molecolari tutti i giorni dalle 7:00 alle 19:00, compresi i fine settimana e i giorni festivi. Il test costa 59 euro. Maggiori informazioni e appuntamenti su centogene.com.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *