Wrack-und- Fischereimuseum

Wrack- und- Fischereimuseum, il tetro museo tedesco dedicato ai naufragi e ai pescatori

Il museo nella città costiera di Cuxhaven  che parla dei naufragi ma anche della storia marittima della città come importante porto di pesca

Il Windstärke 10 Wrack- und- Fischereimuseum è situato nella città costiera di Cuxhaven, nel nord della Germania. L’edificio è costituito da due capannoni, in cui un tempo veniva confezionato il pesce, uniti sotto lo stesso tetto. Esso si trova vicino al porto di Cuxhaven, risalente agli anni ’30, che è stato a lungo uno dei porti più importanti della Germania insieme a quello di Bremerhaven. È un museo interamente in tedesco: tutti i testi, le installazioni audiovisive e le visite guidate sono in lingua tedesca.

Alla scoperta del Wrack- und- Fischereimuseum

All’interno del museo, nella sala centrale, vi è una mostra permanente in cui è possibile osservare un modello in scala del porto storico di Cuxhaven. Tra i molti reperti del museo, il più grande e impressionante, è quello di un relitto di un vecchio peschereccio in legno che affondò nel 1928. Inoltre, ci sono molte mostre temporanee, nelle quali sono esposti oggetti d’antiquariato, attrezzature subacquee e innumerevoli reperti recuperati da vari relitti. In un altra sezione del museo, inoltre, vengono illustrati i vari tipi di pericolo a cui si può incorrere in mare aperto. Qui, sono trattate anche le eroiche imprese che la società tedesca di salvataggio marittimo DGzRS compie ogni anno per salvare centinaia di vite.

Il tema oscuro del museo

La sezione principale del museo, denominata “Unter Wasser” (“sott’acqua”), è caratterizzata da una sala cupa e oscura in cui si possono vedere grandi frammenti di relitti. Una storia particolarmente drammatica è illustrata attraverso una proiezione video a 360 gradi. Essa narra dell’unico sopravvissuto di un incrociatore tedesco che fu affondato da navi da guerra britanniche durante la prima guerra mondiale. L’uomo nuotò in mare aperto per due giorni e tre notti prima di avvistare alcuni dei suoi compagni in una scialuppa di salvataggio. Tutti gli altri morirono uno dopo l’altro prima che la barca venisse finalmente ritrovata 76 ore dopo l’affondamento.

Leggi anche: Lolle, la serie Tv tedesca che ci fece amare la Berlino dei primi anni 2000

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Screenshot da Youtube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *