Tetto sugli affitti di Berlino: altri 340mila appartamenti presto più economici

Avviata la fase 2 del progetto per l’instaurazione del tetto massimo

A Berlino, i proprietari degli stabili abitativi (sia privati che sottoposti a sussidi pubblici) dovranno abbassare gli affitti in funzione del tetto massimo imposto dalle autorità. A partire dal 23 di novembre, tutti gli affitti che supereranno del 20% il tetto dovranno essere ridotti fino a raggiungere la soglia imposta. La giornalista del Berliner Morgenpost Isabell Jürgens ricorda che la legge sull’instaurazione del tetto sugli affitti potrebbe risultare anticostituzionale. Sulla base di questa informazione, invita tutti gli affittuari di Berlino ad informarsi sull’andamento del processo e a non trarre conclusioni affrettate. È consigliato informarsi presso il sito dell’associazione degli affittuari (Berliner Mietverein) al fine di comprendere se si è sottoposti ad un abbassamento dell’affitto.

Respinta la proposta per fermare la legge

La Corte Costituzionale di Karlsruhe si doveva pronunciare a tal proposito questo novembre, ma a causa della situazione generale ha deciso di spostare la decisione alla prima metà del 2022. Nel frattempo ha comunque respinto la richiesta portata avanti da un proprietario di un immobile di Berlino per un annullamento immediato della normativa. Secondo la Corte Costituzionale, gli svantaggi per il proprietario dell’immobile, come per il resto dei proprietari degli immobili berlinesi, non giustificherebbero la posticipazione o addirittura l’annullamento di un’instaurazione del tetto massimo.

Tre milioni di persone trarranno beneficio dal provvedimento

Secondo il Dipartimento per lo sviluppo urbano e l’edilizia abitativa, il provvedimento interesserà 1,5 milioni di abitazioni. La portavoce della politica abitativa del Partito Socialdemocratico tedesco, Iris Spranger, ha affermato che saranno ben 3 milioni gli inquilini che trarranno beneficio dal congelamento degli affitti. Con la nuova legge Berlino è il primo dei 16 Stati federali tedeschi a introdurre un limite di affitto. C’è la possibilità che dopo 9 mesi dall’approvazione della legge alcuni affitti debbano essere ridotti. Per chi non rispetterà tale limite è prevista una sanzione fino a 500.000 euro. La norma arriva dopo mesi di dibattito e la protesta che l’anno scorso vide scendere in piazza quasi 25 mila persone.

Leggi anche La Germania studia seriamente il reddito di base universale per far riprendere l’economia

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Palazzi Berlino ©Photomat da PixabayLicenza Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *