Roma, più di 2mila € di multa a turisti tedeschi in vacanza

In una città semivuota c’è chi prova a godersi alcuni dei più bei monumenti al mondo

Una coppia di tedeschi è stata fermata a Roma sabato 16 maggio a bordo di un’auto mentre cercava di raggiungere il centro storico e più specificamente Fontana di Trevi . La pattuglia del I gruppo “ex Trevi” della polizia ha accertato  che i due non solo erano entrati in Italia senza avvertire gli organi sanitari, ma circolavano senza alcun valido motivo né avevano rispettato l’obbligo di isolamento di 14 giorni per chi proviene dall’estero. Per la coppia è scattata una sanzione di oltre mille euro ciascuno e la procedura di sorveglianza sanitaria prevista da parte degli uffici Asl di zona.

Il turismo in Italia dall’estero non è ancora consentito

Al momento in Italia è in vigore l’ordinanza del 28 marzo 2020. Ai sensi della normativa vigente, sia ai cittadini italiani, sia ai cittadini stranieri che si trovano al momento all’estero è consentito entrare in Italia soltanto per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute; a partire dal 4 maggio 2020, è consentito anche il rientro presso il proprio domicilio o residenza: : si deve tuttavia trattare di rientro stabile in Italia (una volta rientrati, non sarà cioè possibile fare “avanti e indietro” con altre abitazioni, né in altre Regioni né all’estero); la visita a congiunti NON è invece, al momento, un valido motivo per l’ingresso in Italia dall’estero, così come sono vietati gli ingressi per motivi di turismo.
I motivi che giustificano l’ingresso devono essere autocertificati attraverso l’apposito modulo di autodichiarazione per il rientro dall’estero, che è necessario stampare e portare con sé durante tutto il viaggio.

Chiunque arriva nel  territorio nazionale tramite  trasporto di  linea  aereo, marittimo, ferroviario o terrestre, è tenuto a consegnare al vettore all’atto dell’imbarco una dichiarazione che, in  modo chiaro e dettagliato, specifichi:

  • i motivi del viaggio
  • l’indirizzo completo dell’abitazione o della dimora in Italia dove sarà svolto il periodo di sorveglianza sanitaria e l’isolamento fiduciario
  • il mezzo privato o proprio che verrà utilizzato per raggiungerla e un recapito telefonico anche mobile presso cui ricevere le comunicazioni durante l’intero periodo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario.

Le  persone che  fanno  ingresso in Italia, anche  se asintomatiche, sono obbligate a comunicarlo immediatamente al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio e sono sottoposte alla sorveglianza sanitaria e all’isolamento fiduciario per un periodo di quattordici giorni presso l’abitazione o la dimora preventivamente indicata all’atto dell’imbarco.

Leggi anche Tedesco regala 2 milioni di € al paesino ligure in cui va in vacanza da oltre 20 anni. “Questa è l’Europa”

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *