Merkel dà l’ok a messe, musei, zoo e spiazzi per bambini, ma blocca i ristoranti. “Sono problematici”

Nuovi allentamenti delle restrizioni vigenti in Germania dopo le parole di Angela Merkel di ieri pomeriggio

La Germania allenta ulteriormente le restrizioni e apre le case di culto e molti altri spazi comuni. È l’esito dell’incontro virtuale di ieri, giovedì 30 aprile, tra Angela Merkel e i capi dei 16 stati federali. “”Non abbiamo alcun farmaco né vaccino. L’obiettivo della Germania è, per quanto possibile, impedire che il virus si diffonda rapidamente. Finora ci siamo riusciti”. Musei, giardini, giardini zoologici, parchi giochi e monumenti potranno essere riaperti nei prossimi giorni sempre però chiedendo il rispetto della distanza di sicurezza. Un ok di massima è stato dato anche alla possibilità di celebrare messe e altri riti religiosi, anche se ogni stato federale deciderà per conto proprio. Un ulteriore stop è invece stato dato alla ristorazione e alle strutture turistiche:  “Non possiamo verificare se le persone attorno a un tavolo appartengono allo stesso nucleo familiare”. Le regole di distanziamento sociale e rimarranno in vigore almeno fino al 10 maggio.

La situazione scuole e viaggi.

La Merkel ha descritto le decisioni di giovedì come un “passo intermedio nella lotta contro il virus”. Ulteriori decisioni verranno annunciate  la prossima settimana comprese quelle sulla scuola. Due settimane fa, il governo aveva comunque già consentito di tornare a scuola gli studenti di classi elementari e secondarie che hanno esami quest’anno. Il ministro tedesco dell’educazione Anja Karliczek, tuttavia, ha avvertito che non sarà un ritorno normale, che il regolare funzionamento delle scuole non potrà riprendere prima del prossimo anno scolastico ” quando gran parte della popolazione sarà vaccinata”. Fino ad allora sarà un mix tra lezioni di persona e digitali.  Alla domanda se i tedeschi sarebbero stati in grado di andare in vacanza all’estero quest’estate, Angela Merkel ha sottolineato che il divieto di viaggi per motivi turistici è prorogato almeno fino al 14 giugno.

La pandemia in Germania

163mila casi totali e 6623 decessi. Sono questi i numeri ufficiali della pandemia in Germania secondo la Johns Hopkins University. I nuovi contagi giornalieri sono scesi, mercoledì 29 a giovedì 30 aprile, da 1627 a 1470. I decessi sono leggermente saliti da 153 a 156. La curva dei contagi, guardando gli ultimi tre giorni, rimane sostanzialmente stabile nonostante sia salito di molto il numero dei tamponi settimanali, arrivati a circa 700mila (ma la capacità è 800mila). In totale in Germania sono stati realizzati ufficialmente 2.547.052 tamponi (ma non tutte le strutture comunicano il numero di test effettuati al Robert Koch Institut).

 

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *