magg https://www.youtube.com/watch?v=uKuYXNLGlOc

La Vw dice addio al Maggiolone con uno splendido video celebrativo

The Last Mile, il video celebrativo con cui la Volkswagen onora il Maggiolino, la sua auto più iconica ormai fuori produzione

The Last Mile è il titolo del cortometraggio con cui la Vw onora il Maggiolino, celebre modello della casa automobilistica, fuori produzione da luglio 2019. Le immagini animate mostrano la storia di un ragazzo e le sue principali esperienze di vita legate all’automobile. Dal giorno in cui il padre porta per la prima volta l’auto a casa, fino alle prime guide accanto a lui. L’amore per una donna e il loro viaggio alla guida del Maggiolino verso un concerto che richiama Woodstock. La corsa in auto verso l’ospedale quando la stessa donna è in procinto di partorire. I viaggi con la famiglia e infine la vecchiaia. L’auto si ferma davanti ad un vasto campo in cui sorgono diverse pale eoliche, messaggio implicito che simboleggia la necessità di passare ai nuovi modelli a emissioni zero. Così il Maggiolino, sfila per l’ultimo miglio d’innanzi alle varie generazioni di persone che ringraziano, e prende il volo verso il cielo notturno.

Riferimenti culturali e strategie social

La colonna sonora dello spot è un arrangiamento di Let it be, celebre brano dei Beatles, rivisitato dal Pro Musica Youth Chorus. Il video contiene riferimenti culturali riguardanti  influencer e celebrità legate alla celebre auto come Andy Warhol, Kevin Bacon e Andy Cohen. Non mancano i richiami storici all’epoca sessantottina, durante la quale il Maggiolino (insieme al famoso furgoncino Vw T2) divenne simbolo di libertà ed emancipazione dal sistema negli Stati Uniti. La Vw ha inoltre lanciato l’hashtag #TheLastMile per invitare i suoi acquirenti a condividere sui social i propri momenti più cari insieme alla storica automobile.

La fine di un’era

Il 10 luglio, dopo 80 anni di storia, Volkswagen sforna l’ultimo esemplare dell’automobile che ha segnato la storia.  Il Maggiolino è stato prodotto in quasi 22 milioni di esemplari. Ha segnato diverse epoche storiche, dalla Germania nazista di Adolf Hitler all’estate dell’amore nel 1967. Una storia d’amore tra l’uomo e la meccanica, nonché il design, che porta la firma del grande progettista Ferdinand Porsche.

Leggi anche: Berlino, inaugurato museo dedicato alla Trabant, auto simbolo della ddr

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: Screenshot da Youtube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *