La DB vuole lanciare un biglietto più economico e flessibile per chi viaggia in treno

Il nuovo piano delle ferrovie tedesche per recuperare il terreno perso a causa del COVID-19

Dopo il drammatico crollo del numero di passeggeri durante la crisi del Coronavirus, Deutsche Bahn sta cercando di aumentare la domanda con un nuovo biglietto per i pendolari. Secondo un rapporto di Wirtschaftswoche, il nuovo biglietto sarebbe valido per 20 viaggi sulla stessa tratta selezionata. “Il biglietto di 20 viaggi è fino al 33 per cento più economico del biglietto mensile sulla stessa tratta”, ha detto la Deutsche Bahn. Consapevole di come il Coronavirus abbia cambiato a lungo termine l’atteggiamento nei confronti degli uffici a domicilio e degli orari di lavoro, l’operatore ferroviario vuole provvedere a coloro che “non vanno più al lavoro tutti i giorni”, ma lavorano uno o due giorni a settimana da casa. “Questi clienti hanno bisogno di flessibilità, e noi offriamo questo con il biglietto da 20 viaggi”.

La domanda cresce sui treni tedeschi

La Deutsche Bahn si aspetta una ripresa del traffico su rotaia a lunga percorrenza più rapida di quanto si pensasse. “Crediamo che la domanda dei clienti privati tornerà più velocemente di quanto temessimo nel bel mezzo della pandemia del Corona”, ha dichiarato Michael Peterson, responsabile dei trasporti a lunga distanza della Deutsche Bahn. Attualmente, l’azienda prevede che il numero di passeggeri tornerà a un livello di domanda del 70-80% entro l’autunno 2020. Il nuovo biglietto per i pendolare invece rimane ancora senza una data.

Leggi anche: Berlino pensa di obbligare tutti i cittadini ad abbonarsi ai mezzi

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *