Germania, visa negata agli universitari con corsi online

Il governo conferma: questo semestre gli studenti stranieri che studieranno in Germania tramite corsi online non avranno diritto al visto a causa della pandemia. L’annuncio arriva circa due mesi prima dell’inizio dei semestri invernali in Germania

Più di 80.000 studenti stranieri hanno lasciato la Germania tra marzo e aprile. Poiché le restrizioni di viaggio e le regole interne sono state lentamente allentate, molti speravano che le cose sarebbero tornate alla normalità dopo l’estate. Ma un annuncio del governo tedesco ha fatto sorgere nuovi dubbi sullo stato dei visti per gli studenti. Quelli provenienti da fuori dell’Unione Europea devono ora ricevere un “certificato di presenza” dalla loro università tedesca per poter richiedere il visto. Alcuni corsi stanno pianificando le lezioni e gli esami interamente online. “Gli studenti stranieri che possono dimostrare che i loro studi non possono essere svolti interamente dall’estero, per esempio a causa della frequenza obbligatoria, possono entrare nel Paese”, si legge in una dichiarazione del Ministro dell’Istruzione Anja Karliczek. “Ma l’ingresso per gli studenti online o a distanza non sarà consentito”.

Preoccupazione non solo da parte degli studenti

“L’istruzione e la ricerca sopravvivono grazie agli scambi, soprattutto quelli internazionali. Questo è vero anche in tempi di pandemia”, ha detto Karliczek a luglio. I critici dicono che Karliczek stia negando agli studenti stranieri in Germania l’opportunità di sperimentare uno scambio. “Se sei ammesso in un college in Germania, dovrebbero darti un visto”, ha detto Kumar Ashish dell’Unione Federale degli Studenti Internazionali in Germania. “È lo stesso negli Stati Uniti”. Infatti, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva intenzione di fare lo stesso per gli studenti online negli Stati Uniti. Ma il governo di Trump ha fatto una rapida inversione di marcia a luglio, dopo una grande indignazione. Il deputato dei Verdi Kai Gehring considera la decisione come “un altro ostacolo burocratico per gli studenti stranieri)”. Ha aggiunto “Uno scambio di studenti è qualcosa di più che andare a conferenze e seminari. Si tratta anche della vita nel campus e dell’apprendimento della cultura e della società tedesca”.

Pare che non sia ancora giunta l’ora di allarmarsi

Il numero di persone colpite dalle regole rimane poco chiaro, anche a causa dello sviluppo sconosciuto della pandemia. Ma allo stato attuale, secondo Michael Flacke del Servizio tedesco per lo scambio accademico, la maggior parte dei corsi non prevede di trasferirsi completamente online, ha detto Flacke. “Per il semestre invernale, le università tedesche stanno pianificando un mix di corsi online e in presenza, e per questo ‘mix’ gli studenti stranieri provenienti da fuori dell’UE possono venire in Germania”, ha spiegato Flacken. Ma con i nuovi blocchi e le nuove restrizioni di viaggio ancora una minaccia molto reale all’orizzonte, Flacke è tra coloro che consigliano cautela agli studenti internazionali che prevedono di venire in Germania questo ottobre.

Leggi anche: Germania, 900 infetti non sono stati avvertiti dopo tampone positivo

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Flickr

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *