Germania, l’esperimento di una scuola: prof di religione “schierati” solo se di ogni credo

In una scuola di Amburgo gli insegnanti di religione potranno avere qualsiasi credo.

Nuovi passi avanti nel campo della politica di integrazione ad Amburgo, dove insegnanti di diverso credo potranno dare lezioni di religione nelle scuole pubbliche. L’università di Amburgo ha già istituito i corsi di formazione per i futuri insegnanti, nel frattempo si sta già facendo un esperimento in una scuola.

Amburgo è la città che ha fatto più integrazione religiosa nelle scuole negli ultimi 30 anni

Ad Amburgo insegnanti di diverso credo potranno dare lezioni di religione. Come riporta la Frankfurter Allgemeine Zeitung, il governo della città-stato anseatica è sempre stato sensibile ai cambiamenti demografici e ha adottato nel tempo una politica di inclusione culturale favorevole all’immigrazione. L’istruzione religiosa nelle scuole pubbliche esiste ormai da oltre 30 anni e il governo ha deciso di fare un passo successivo. Fino ad oggi la Chiesa protestante è stata la responsabile per l’educazione, mentre gli insegnanti cattolici hanno potuto operare nelle 21 scuole cattoliche della città. Ai rappresentanti dei buddisti, musulmani, ebrei e aleviti è stato permesso di partecipare solo alla decisione del programma. In futuro potranno insegnare dopo aver fatto dei corsi di formazione, già istituiti all’università di Amburgo. Nel frattempo si sta facendo già un esperimento nella Kurt Tucholsky Schule.

In passato i progetti sono stati considerati anticostituzionali dagli esperti

Il 29 novembre 2019, l’assessore alla scuola di Amburgo Ties Rabe (SPD) e i rappresentanti delle comunità religiose cristiane, ebraiche e musulmane hanno presentato un progetto unico, secondo un comunicato stampa dell’autorità per l’istruzione. Nel 2012 il Senato aveva concordato l’istruzione religiosa congiunta con alcune associazioni islamiche, con la Chiesa evangelica luterana della Germania settentrionale e nel 2014 con la comunità ebraica di Amburgo. Già il modello precedente, era stato giudicato dagli esperti di diritto costituzionale come non conforme alla Legge fondamentale, come per esempio nel caso dei bambini aleviti che non possono ricevere un’educazione da un insegnante sciita. Inoltre ci sono molte difficoltà nel caso si volesse portare questo modello a livello nazionale, per esempio nella Baviera prevalentemente cattolica o nella Sassonia poco religiosa.

Leggi anche: Studente tedesco, 60mila € per diventare gender neutral: «Nessuno però ha il diritto di offendermi»

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Picture: screenshot from youtube 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *