Germania, 37enne italiano muore poco dopo arresto. Esclusi maltrattamenti, indagini in corso

Tragedia nell’est della Germania: vittima un italiano di 37 anni che era stato da poco fermato dalla polizia

Un 37enne italiano residente a Dresda è morto lo scorso 16 agosto poco dopo essere stato arrestato dalla polizia di  Dresda. L’autopsia al momento ha escluso segni di maltrattamenti. Scrive la procura: “Non abbiamo nessun indizio che ci possa far parlare di decesso per asfissia o di atti violenti contro la testa e al collo. Nessuna indagine verrà aperta nei confronti della polizia È probabile che la morte sia avvenuta per un infarto cardiaco anche causato da un probabile consumo di alcol e droga”. Per questa tesi si attendono però i risultati degli esami tossicologici”. In un primo momento il procuratore generale Lorenz Haase aveva dichiarato: “Stiamo conducendo un’indagine sulla morte per capire cosa sia successo”.

La ricostruzione dei fatti di domenica a Dresda

Secondo quanto raccolto finora l’uomo sarebbe stato portato in stato di fermo dopo essersi reso protagonista di diversi comportamenti violenti, tra cui il lancio di oggetti, all’interno di un bar sull’Elba, nella zona di Mickten davanti agli occhi di altri clienti del locale. L’uomo appariva visibilmente sotto effetto di alcol e/o sostanze stupefacenti. La polizia è accorsa sul posto e  portato in centrale dove il 37 avrebbe perso coscienza. A questo punto è avvenuta la corsa in ospedale dove poche ore dopo è arrivata la morte. Al momento non si hanno informazioni sulla vittima esclusa l’età, la nazionalità e il fatto che risiedesse nel capoluogo sassone.

Photo: CC 0 – Pixabay

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *