Italia, Germania, e poi ritorno: a Roma la mostra di scatti berlinesi di Layla Barkat

Un angolo di Berlino arriva alla Garbatella grazie alle foto di Layla Barkat esposte nella mostra Geometrie e Astrazioni

«Sono nata sotto il segno dei Gemelli. E di questo segno ho tutti i pregi e i difetti.  Sono creativa, distratta, eclettica, mobile a volte dispersiva. Non amo la staticità. E questa è una delle ragioni che mi hanno spinto a lasciare Roma, mia città natale, e a ricominciare nella capitale tedesca, patria delle arti visive». Ad parlarci così è Layla Barkat, fotografa i cui “scatti berlinesi” saranno esposte, all’interno della mostra Geometrie e Astrazioni, presso la Galleria CosArte di via Niccolò da Pistoia dall’11 al 18 ottobre.  «Berlino ad un fotografo offre tanti spunti diversi. Si resta influenzati da ciò che ci circonda e dagli incontri che fai ogni giorno, anche con gente del mestiere, vere e proprie celebrità del settore. Lì ho avuto modo di conoscere Brendan de Clercq con cui ho condiviso un photo-shooting al Fotomeyer, storico laboratorio e rivendita di Berlino, e di lavorare fianco a fianco con professionisti di illustri agenzie internazionali come Getty e Reuters».

Layla Barkat e la fotografia

Maria Layla Barkat (questo il suo account Instagram) ha 25 anni. Mamma italiana, papà pakistano, vive a Berlino dal 2015 alternando la vita tedesca con intervalli italiani. «Ho iniziato a fare le mie prime esperienze professionali come fotografa di moda, poi ho allargato anche ad altri ambiti. Per me fotografare equivale a trasporre – in un linguaggio più chiaro, sintetico ed immediato della pittura – insieme alle mie emozioni, la mia visione artistica della realtà, trasfigurandola».

Roma vs Berlino, la vita quotidiana

«Di Berlino Roma può invidiare l’organizzazione, la viabilità e la mobilità. Anche se ultimamente la capitale tedesca sta perdendo un po’ colpi così come a livello lavorativo, almeno nel mio campo, dove tante agenzie che organizzano eventi non sono esenti da mancanza di chiarezza e disorganizzazione. insomma Berlino sta cambiando un po’ anche in questo….»

© Layla Barkat

© Layla Barkat

Layla Barkat, la mostra romana

«La mostra è un’esposizione collettiva..Di Berlino adoro gli edifici, i castelli e i monumenti dell’epoca imperiale, lo stile prussiano dalla quale estetica sono fortemente attratta e influenzata. Le mie foto sono un insieme di immagini raccolte tra un evento e l’altro, lungo le strade affollate e multi- kulti della capitale tedesca. Angoli e finestre di edifici d’epoca, facciate di moderni palazzi e costruzioni, insegne e lampioni rivisitati secondo la visione minimalista dove l’attenzione è un piccolo elemento chiave e il resto della composizione, assolutamente secondario. Consiglio la mostra a chiunque desideri ritrovare un angolo di Berlino nella città eterna… e chissà magari portarselo a casa!».

[adrotate banner=”39″]

banner scuola berlino schule

RIMANI AGGIORNATO SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Photo: © Layla Barkat

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *