Convento ©mzmatuszewski0 https://pixabay.com/it/photos/monastero-chiostro-convento-gotico-2683891/

Cecylia Maria Roszak, la suora che salvò 17 ebrei polacchi dai nazisti e poi visse fino a 110 anni

Si celebra l’anniversario di Cecylia Maria Roszak, la suora polacca che durante la Seconda Guerra Mondiale nascose e salvò molti ebrei

Il 16 novembre è stato il primo anniversario della scomparsa di  Cecylia Maria Roszak la suora che ha rischiato la vita per salvare molti ebrei dall’Olocausto. La sua morte era stata annunciata dall’arcidiocesi di Cracovia dove ha vissuto per circa novant’anni all’interno di un convento domenicano, infatti si pensa che sia stata la suora più longeva mai esistita. Si ricorda con affetto e commozione come la donna che aiutò circa una dozzina di ebrei che giunsero al convento presso Kolonia Wileńska, che oggi si trova in Lituania.

[adrotate banner=”39″]

Gli ebrei che si nascosero nel suo convento crearono una resistenza al nazismo

Gli ebrei che giunsero nel convento erano membri del gruppo sionista Hashomer Hatzair e molti di loro sarebbero diventati membri dei movimenti di resistenza nei ghetti di Białystok, Warsaw e Wilno. Tra di loro c’era l’attivista e scrittore Abba Kovner, che in seguito testimoniò nel processo al criminale nazista Adolf Eichmann. Rimasero sotto la protezione del convento fino all’inverno del 1942. Con l’approvazione delle sorelle, il gruppo di ebrei stabilì una base segreta ebrea a Kolonia Wileńska. Si formò un movimento con lo scopo di combattere contro lo sterminio dei residenti del ghetto. Il suo gesto le valse il titolo onorario, insieme alle altre sorelle di “Virtuose tra le Nazioni” conferito da Israele. Si tratta di una medaglia assegnata a coloro che hanno rischiato la vita durante la guerra per salvare gli ebrei.

La vita di Suor Cecilia

Maria Roszak nacque il 25 marzo 1908 nel villaggio di Kiełczewo nella Polonia occidentale. Ottenne il diploma presso l’Istituto femminile di Commercio e Industria a Poznań ed entrò a far parte del monastero di Gródek a Cracovia all’età di ventun anni. Prese i primi voti religiosi nel 1931 e tre anni dopo la confessione solenne i voti definitivi. Cambiò il suo nome in Cecylia. Nel 1938 progettava insieme ad altre suore domenicane di trasferirsi a Kolonia Wileńska, vicino Wilno per fondare una nuova Congregazione. Lo scoppio della guerra sconvolse il piano e solo dopo la guerra, quando Wilno fuoriuscì dalla Polonia, tornò a Cracovia. Rimase per tutta la vita nell’ordine domenicano dove morì all’età di 101 anni.

[adrotate banner=”39″]

Immagine di copertina: Convento © mzmatuszewski0 CC0 on pixabay

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *