assemblaggio edificio

A Berlino, 24 ore per assemblare abitazioni in legno. E il progetto è tutto italiano

Si chiama Urban Nest ed è il progetto dall’architetto e urbanista italiano Paolo Conrad Bercah.

Assemblare un intero piano abitativo in sole cinque ore: è successo a Berlino grazie al progetto di Paolo Conrad Bercah, architetto italiano titolare dello studio berlinese c-b-a. Il materiale utilizzato è un legno naturale fornito da LignoAlp, azienda di base a Bressanone (Bolzano). Il piano in questione il quinto di un palazzo con 9 unità abitative. Un video testimonia l’assemblaggio del piano.

https://vimeo.com/239083764

Un progetto che ha molta Italia

Urban Nest significa “nido urbano”. Il progetto è stato ideato e disegnato dell’architetto, urbanista e progettista italiano Paolo Conrad Bercah, in collaborazione con Tobias Goetz. Si tratta della realizzazione di un edificio di cinque piani comprendente 9 unità abitative che confina con un vecchio edificio esistente. Il palazzo è all’interno del quartiere berlinese di Neukölln e ha uno dei lati su Jahnstraße. Le superfici, i soffitti, le finestre, le mura divisorie interne nonché la facciata principale sono tutti realizzati in legno naturale di alta qualità.

Assemblaggio lampo per un edificio eco-sostenibile e sicuro

Come raccontato da riporta Wisesociety, per la realizzazione dell’Urban Nest “sono stati rispettati tutti i requisiti in tema d’isolamento acustico e protezione antincendio, questi ultimi molto rigidi in Germania”. I solai sono realizzati in legno e cemento. Le vie di fuga e gli accessi di soccorso, così come il pozzetto dell’ascensore, sono invece inseriti in un nucleo integrato di cemento armato- così è riportato sul sito dell’azienda fornitrice del materiale edile. Sebbene il progetto sia stato curato nei minimi dettagli e per la realizzazione sia servito un lungo periodo di progettazione e di lavoro preliminare (circa un anno), come per gli impianti elettrici o idraulici, per l’assemblaggio di tutto l’edificio sono bastati 21 giorni lavorativi. Solo 5 invece le ore spese per l’assemblaggio del quinto, ovvero l’ultimo, piano dell’edificio. Certo, si può pensare legittimamente che il grosso del lavoro fosse già stato fatto, che quelle cinque ore siano servite soprattutto per il lavoro di assemblaggio e finitura (come la verniciatura), ma la qualità del progetto messo a punto da Paolo Conrad Bercah merita per la qualità, apporto di innovazione ed il suo scarso impatto ambientale. Già questo lo rende speciale.

[adrotate banner=”39″]

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Immagine di copertina: vimeo.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *