Festival del viaggiatore, ad Asolo le valige si riempiono con racconti e immagini

Annunciati i primi nomi del Festival del viaggiatore, bellissima kermesse ad Asolo

Un grande festival dedicato al viaggio in ogni sua declinazione. È quanto accade da cinque anni ad Asolo, in Veneto, grazie all’Associazione InArtEventi e la direzione artistica di Emanuela Cananzi. Il tema di quest’anno sarà “passioni”. Location, come al solito, uno dei più borghi più belli d’Italia, “Città dai cento orizzonti” secondo Giosuè Carducci. Scrittori, giornalisti e artisti racconteranno e faranno rivivere le proprie storie nelle splendide cornici  di Casa Duse, Casa Freya Stark, Villa Cipriani, Villa Rubini detta il Galero, Palazzo Fietta Serena, Castello Regina Cornaro, Teatro Duse, Teatro Rinnovati, Loggia della Ragione, Villa Contarini degli Armeni, Villa Pergola/Cipressina, La Torricella, la Casa Longobarda.

Festival del viaggiatore 2019, il programma

Il programma completo ancora non è stato reso noto, ma sono già stati svelati alcuni nomi. Nella giornata di apertura, venerdì 27, ci sarà l’incontro-intervista con un atleta d’eccezione, esploratore estremo dei deserti: Max Calderan, detentore di 13 record mondali, noto per le sue imprese al limite, tra cui le attraversate desertiche in solitaria, sarà in dialogo con il Direttore della rivista turistica “Dove” Simona Tedesco, protagonista al festival anche nella mattinata di sabato per un focus sulla passione per il viaggio. Tra gli ospiti anche il giornalista Giuseppe Giulietti per raccontare “Il piacere dell’incontro con l’altro”, una delle più note firme della fotografia come Lorenzo Capellini, particolarmente conosciuto per i suoi ritratti d’autore, ha fatto reportage con Moravia conosceva e ha lavorato coi più grandi intellettuali italiani, alcuni europei. All’insegna delle “passioni”, in programma quest’anno anche eventi immersivi nel segno del gusto e dei sensi. La passione per il cioccolato sarà esplorata dai maestri pasticceri Francesco Ornella e Moreno Botter, mentre con Livio Zanini, presidente Associazione Italiana Cultura del tè, si esplorerà la passione per il tè e i suoi riti. Due originali momenti saranno anche dedicati all’olfatto: a guidarci il profumiere Leonardo Opali, specialista nel creare fragranze su misura. “Passione” ben si coniuga con sentimenti come “gioia” e “felicità”: al festival la giornalista e scrittrice Eliana Liotta, autrice di best seller come La Dieta Smartfood, propone nella giornata di sabato 28 settembre il suo ultimo saggio Prove di felicità, (La Nave di Teseo), dove racconta 25 idee riconosciute dalla scienza per vivere felici, tra cui i viaggi.

uttavia un fotografo di rilievo internazionale Leonardo Capellini  che è diventata una mostra che gira e ha girato parecchio.

Ci sono poi – visto che quest’anno il tema è passioni – molti argomenti trasversali a più culture. Ti faccio qualche esempio, un sinologo, fondatore dell’accademia del tè parlerà del viaggio del tè da Oriente a Occidente anche attraverso i resoconti dei missionari e dei medici del tempo, fino a presentare le molte varietà di tè e le ritualità sorte nell’alveo delle diverse culture.

Abbiamo un evento analogo sul caffè che però racconta cosa c’è dietro ogni singola tazza di caffè nel mondo (costruiremo addirittura una piccola torrefazione). Ecc
Abbiamo un focus sui videogame.
Tra i Personaggi abbiamo Kasia Smutniak, Eliana Liotta, Candida Morvillo, Maria Concetta Mattei…

Festival del Viaggiatore, cosa è

Il Festival del Viaggiatore è nato nel 2015 con l’obiettivo di riportare, in chiave attuale, il pittoresco borgo a ricoprire nuovamente il ruolo di cenacolo di intellettuali e artisti che lo ha contraddistinto a partire dal Quattrocento, quando ospitava la corte della regina di Cipro Caterina Cornaro, e fino agli inizi del Novecento. Asolo è stato nei secoli ed è ancora oggi un luogo magico, espressione di un territorio unico eppure aperto al mondo, con radici che affondano nella tradizione eppure sempre pronto ad aprirsi alle novità e al futuro. Il viaggiatore al quale il festival è rivolto non è solo colui che va per il mondo o che viaggia nelle arti, ma anche chi ha un bagaglio di esperienze, una storia da raccontare, un punto di vista da condividere o una visione di futuro. Dunque non solo viaggio verso una meta geografica, ma anche verso traguardi creativi, etici, di gusto, ecc. oppure considerato per il proprio valore intrinseco, come percorso di crescita, culturale, sentimentale, imprenditoriale. A questo viaggiatore sarà svelata una Asolo inedita, che aprirà per lui luoghi privati e spesso sconosciuti e si ripopolerà di voci, racconti, suggestioni: a quelli degli anni scorsi – Villa Freya, Castello della Regina Cornaro e Teatro Duse, Casa Duse, Hotel Villa Cipriani, Loggia della Ragione e altri ancora – si aggiungeranno il Galero (villa seicentesca così chiamata per le decorazioni in cui è riprodotto il cappello cardinalizio, detto galero), il Convento dei Santi Pietro e Paolo (che si erge sotto la Rocca di Asolo, dominando il centro storico), il Teatro dei Rinnovati.

Festival del viaggiatore 2019

ad Asolo

dal 27 al 29 settembre 2019

eventi gratuiti, controllate il programma qui 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *